Ad integrazione delle indicazioni per la gestione delle mobilità Erasmus+ nell’ambito dell’emergenza Covid-19 – nuovo Coronavirus –  diffuse dalla Agezia Erasmus+ Inapp , pubblichiamo la nota ufficiale della Commissione europea Ref. Ares(2020)1174150 – 25/02/2020 “Coronavirus – exceptional measures with regard to Erasmus+ and European Solidarity Corps projects”.


Nell’ambito delle misure adottate dal Governo italiano per contenere la diffusione del Coronavirus nel Nord Italia, vi informo che le misure annunciate nella nostra nota del 31 gennaio 2020 (rif. Ares(2020)619972) saranno considerate pienamente applicabili a qualsiasi mobilità nelle aree di programma e nei Paesi partner in cui il virus viene rilevato e che sono considerati a rischio.

In linea con la suddetta nota, le Agenzie Nazionali sono invitate a informare le organizzazioni partecipanti interessate e ad incaricarle di contattare i singoli partecipanti che già si trovano o che intendono recarsi nelle aree colpite nei prossimi giorni o settimane. Si ricorda inoltre ai partecipanti l’assistenza che può essere fornita dalle ambasciate, dai consolati e dai consolati onorari nel paese di soggiorno.

Spetta alle organizzazioni e ai singoli partecipanti decidere la linea d’azione da adottare alla luce dei consigli di viaggio nazionali e dei programmi di rimpatrio. Le Agenzie nazionali dovrebbero comunque monitorare attentamente, in collaborazione con l’organizzazione partecipante, se l’area della mobilità prevista può essere considerata sicura al momento del viaggio per l’intera durata della mobilità o dell’attività del progetto.

Si ricorda che le Agenzie Nazionali possono applicare la clausola di forza maggiore alle attività che si svolgono in qualsiasi area interessata, nonché alla mobilità in entrata da queste aree, come previsto nel modello di accordo di sovvenzione tra le Agenzie Nazionali e i beneficiari e come definito nella guida al programma e in altri documenti contrattuali. Le Agenzie nazionali possono quindi annullare, rinviare o spostare le attività pianificate in tali regioni nel modo più flessibile possibile, nonostante il rispetto del quadro giuridico generale che si applica a Erasmus+ e al Corpo di solidarietà europeo. Date le circostanze eccezionali, gli stessi principi possono essere applicati anche a qualsiasi mobilità in arrivo dalle regioni colpite. Tuttavia, nel valutare i costi aggiuntivi legati a un caso di forza maggiore, le Agenzie nazionali dovrebbero applicare le disposizioni stabilite nella sezione 3.16 della Guida per le Agenzie nazionali.

scarica il documento
Scarica la Nota