Nelle prime due edizioni di “Generazione 2020, una fotografia della povertà formativa in Italia rispetto agli obiettivi Europei” è stata delineata la strategia di Europa 2020 e sono stati analizzati alcuni indicatori ritenuti utili a comprendere lo scenario dei giovani rispetto all’istruzione alla formazione e all’occupazione. In questa terza edizione si intende dare conto degli ultimi sviluppi, aggiornare ove possibile gli indicatori già analizzati e introdurre qualche nuovo elemento di analisi anche alla luce delle recenti strategie messe in campo di seguito delineate.

La nuova agenda per le competenze 2016 della Commissione sostiene un impegno condiviso e si propone di conseguire una visione comune circa l’importanza strategica delle competenze per promuovere l’occupazione, la crescita e la competitività. Essa invoca un impegno comune per attuare riforme in una serie di settori in cui l’azione dell’Unione apporta un valore aggiunto maggiore e verte su tre filoni di attività principali:

  1. accrescere la qualità e la pertinenza della formazione delle competenze;
  2. rendere le competenze e le qualifiche più visibili e comparabili;
  3. migliorare l’analisi del fabbisogno di competenze e le informazioni correlate per migliorare le scelte professionali.

La Commissione, inoltre, nell’ambito del semestre europeo 2016  ha pubblicato le raccomandazioni specifiche per ciascuno Stato membro.  Per l’Italia ha emesso sei raccomandazioni al fine di migliorarne la performance economica. Il Governo italiano ha tradotto gli obiettivi generali e le nuove raccomandazioni nel “Documento di Economia e Finanza 2016”  al cui interno viene definito il Piano Nazionale delle Riforme, che riporta l’analisi di quanto fatto, dei primi risultati raggiunti e indica le aree in cui è maggiormente necessario intervenire. Rispetto ai temi trattati viene posto l’accento sulle riforme da effettuare in materia di mercato del lavoro, soprattutto per quanto riguarda le politiche attive del lavoro e la partecipazione di giovani e donne. Formazione, ricerca e innovazione sono ritenute aree ancora deboli e su cui si intende concentrare gli sforzi. Sono stati, inoltre, definiti valori di medio termine (al 2016 e 2019) rispetto ai benchmark di riferimento della strategia di Europa 2020.

Rispetto al tema dell’istruzione, della formazione e dell’occupazione giovanile, la Commissione europea ha raccomandato l’Italia di: “Adottare ulteriori misure per combattere la disoccupazione giovanile migliorando anche la pertinenza del percorso formativo rispetto al mercato del lavoro facilitando il passaggio al mondo del lavoro, anche attraverso incentivi per l’avvio di nuove imprese per le assunzioni di dipendenti; attuare il riconoscimento delle competenze e delle qualifiche a livello nazionale per promuovere la mobilità del lavoro; adottare misure per ridurre i tassi di abbandono dell’università e combattere l’abbandono scolastico”.

La Commissione Europea, nel recente Country Report, riconosce come – pur in un contesto di debolezze strutturali che continuano a frenare la crescita e la capacità di reagire agli shock economici – l’azione del Governo ha dato seguito alle Raccomandazioni specifiche indirizzate dal Consiglio nel 2015 ottenendo sostanziali progressi nelle aree indicate come critiche. Tuttavia, la crisi ha mostrato come l’efficacia delle misure nazionali dipenda dalla contemporanea azione riformatrice anche di altri Paesi e che l’attenzione alle esternalità positive del processo d’integrazione europeo ha bisogno di essere rinvigorita.

Insieme alle misure di sostegno alle imprese e alla costante attenzione alla spesa pubblica, le riforme avviate dall’Italia si pongono sulla scia di quanto indicato dalla Commissione europea nell’Analisi Annuale della Crescita, che identifica in investimenti, riforme strutturali e politiche di bilancio responsabili le tre priorità di politica economica dell’UE.

Introduzione
GENERAZIONE 2020 – Introduzione (ed. 2017)
schede regionali

Le schede riguardano le regioni in cui SCF è presente tramite i propri membri associati.

VALLE D’AOSTA PIEMONTE LOMBARDIA TRENTINO VENETO LIGURIA MARCHE PUGLIA FRIULI VENEZIA GIULIA EMILIA ROMAGNA SICILIA