Primi risultati del sondaggio della Commissione Europea sulla gestione della VET durante l’emergenza Covid19


A seguito della pandemia COVID-19 e della chiusura di istituti di istruzione e formazione in tutto il mondo, sono state prese diverse iniziative per garantire la continuità dell’apprendimento e dell’insegnamento durante questo periodo. Per cogliere la varietà delle iniziative intraprese, la Commissione Europea ha lanciato un sondaggio online (aperto il 18 marzo 2020).

I primi risultati di tale sondaggio ci permettono di osservare un vasto numero di corsi/moduli di apprendimento online. Tuttavia, essi non sono per lo più specifici per l’istruzione e la formazione professionale. Il materiale pronto con contenuti specifici per l’IeFP è meno sviluppato e c’è una forte richiesta alla Commissione e alle autorità pubbliche nazionali di creare un database con le risorse esistenti da condividere gratuitamente in tutta Europa.

Dal 18 al 25 marzo 2020 sono 21 gli Stati Membri dell’Unione Europea (UE 27) per un totale di 193 risposte; 6 paesi extra UE per un totale di 7 risposte. Gli intervistati offrono formazione per adulti e giovani, impiegati e disoccupati.

E’ ancora possibile compilare il sondaggio qui: https://ec.europa.eu/eusurvey/runner/VETproviders-COVID19 

Riportiamo di seguito una breve sintesi del documento che è stato pubblicato dalla Commissione, evidenziandone i passaggi cruciali.


Come la VET risponde all’emergenza COVID-19?

Dall’analisi dei primi risultati emerge che tutti i paesi stanno creando ambienti online, che vanno dall’uso di servizi di messaggistica molto semplici come WhatsApp o attraverso altre piattaforme di apprendimento IT più elaborate o persino dall’uso della televisione nazionale per la trasmissione e la sostituzione delle normali lezioni in classe .

Nella maggior parte dei casi, questi si concentrano esclusivamente sulla conoscenza teorica e solo in alcuni casi le dimostrazioni in video vengono utilizzate per mostrare le competenze più pratiche legate a una specifica professione di IeFP.

Alcuni intervistati temono che gli studenti dell’IeFP possano trovarsi in una situazione di svantaggio rispetto agli studenti provenienti da altri percorsi educativi, poiché vengono compiuti maggiori sforzi nelle materie scolastiche generali e meno nei tipici contenuti professionali.

Alcuni paesi hanno sviluppato canali TV e YouTube per consentire agli studenti di seguire lezioni generali e di IeFP: insegnanti e formatori registrano le loro lezioni in video e le trasmettono.

La situazione legata all’emergenza rappresenta anche un’opportunità per tutti di sviluppare o approfondire le proprie capacità digitali. Tuttavia, sottolinea anche il divario digitale e la disuguaglianza e lo svantaggio che ciò crea per le famiglie e gli studenti che non hanno accesso a computer e Internet invitando la Commissione europea a sviluppare un deposito di risorse specifiche per l’IeFP.


Come vengono forniti i contenuti specifici della professione in un apprendimento basato sul lavoro, un apprendistato o un contesto pratico?

La panoramica evidenzia anche alcune criticità. Per esempio, l’apprendimento basato sul lavoro viene mantenuto solo in pochissimi paesi e in settori in cui le attività delle imprese sono ancora in corso; questa sembra essere l’attività dei programmi di IFP più colpita, soprattutto nei paesi in cui rappresenta una parte obbligatoria dei curricula. Attualmente è in corso una riflessione su come rendere questi requisiti più flessibili o su come recuperarli una volta stabilizzata la situazione.

La formazione in azienda viene, quindi attualmente,mantenuta solo in alcuni paesi (Belgio, Francia, Danimarca, Irlanda, Svezia, Finlandia), salvo in caso di chiusura delle imprese. L’apprendimento in ambiente di lavoro (WBL) è sospeso in Spagna, Italia, Olanda per il settore turistico, Romania, Slovenia, Grecia e quando possibile sarà “recuperato”, in modo flessibile, in seguito. L’Italia promuove l’esperienza WBL attraverso imprese simulate.


Informazioni fornite sui materiali online che possono essere utili per i fornitori di IFP:

  • Qui puoi trovare un elenco di diverse risorse raccolte attraverso il sondaggio e altre fonti. Esistono molti strumenti di collaborazione generale, disponibili in diverse lingue, nonché molte piattaforme che facilitano la creazione di contenuti digitali.
  • Segnaliamo in particolare alcune piattaforme multilingue europeeetwinning.com che offre allo staff (insegnanti, formatori, bibliotecari, ecc.) l’opportunità di comunicare, collaborare e sviluppare progetti, e la piattaforma EPALE per l’apprendimento in Europa, che offre ai professionisti uno spazio per lo scambio e la condivisione di risorse e informazioni, comprende anche materiale di apprendimento online e Comunità di pratica.

Suggerimenti da condividere con insegnanti e formatori o responsabili politici di altri paesi per garantire la continuità della fornitura di IeFP in questo periodo di emergenza COVID-19

  •  L’entusiasmo e l’impegno di insegnanti e formatori è cruciale al fine di far funzionare tutto questo.
  • Questa crisi è lo stimolo a diventare “più digitali” in futuro.
  • Valorizzare l’auto-apprendimento: richiedere agli studenti compiti regolari da svolgere, stabilire una pianificazione fattibile regolare.
  • Crea occasioni per interagire e cooperare tra gli studenti in remoto. Consente agli studenti di lavorare su situazioni e progetti reali. Assegna compiti pratici che possono svolgere a casa.
  • Molti CFP hanno sottolineato che ogni studente dovrebbe essere seguito individualmente  dal proprio insegnante / formatore principale.
  • La valutazione deve essere sviluppata in modo creativo, con quiz, questionari ecc.
  • Alcuni paesi stanno formando insegnanti, formatori, coach e tutor per poter sviluppare il loro materiale di insegnamento e formazione (es. Romania, Italia). Sono necessari alcuni moduli online per insegnare loro le competenze digitali. Alcune piattaforme offrono dimostrazioni e formazione online agli utenti.
  • Informazioni e indicazioni sull’organizzazione dell’apprendimento a distanza dovrebbero essere disponibili per insegnanti, formatori, discenti, imprese e genitori.
  • Al fine di non aumentare le disparità nell’accesso all’apprendimento, è importante garantire che gli studenti abbiano pari possibilità a casa (computer, cuffie, micro, programmi e connessione internet ad alta velocità) – altrimenti le autorità pubbliche dovrebbero fornire loro (anche il personale potrebbe aver bisogno di un supporto simile )
  • Le autorità pubbliche dovrebbero fornire standard di buona qualità per l’apprendimento online.
  • Potrebbe essere necessario prolungare l’anno scolastico per garantire la consegna dei curricula come previsto.
  • I fornitori di IeFP possono contribuire a rispondere alla crisi, al di là del loro ruolo tradizionale.
approfondimenti

Scarica VET-tools-vs-Covid 2020