INNOVAZIONE SOCIALE

FOMAL – Circolo Ufficiali dell’Esercito – Via Marsala 12  – Bologna

Alla luce dei grandi cambiamenti che dovremo a affrontare, per tenere il passo con le richieste che ci verranno fatte in veste di Enti del Terzo Settore, Scuola Centrale Formazione ha svolto un’attività di indagine all’interno della propria rete associativa, per poter avere una panoramica precisa delle attività e dei bisogni avanzati da molti suoi soci.

I dati raccolti durante la ricognizione sono serviti a focalizzare meglio le risposte ai quesiti emersi relativamente alla RTS e a organizzare queste due giornate di lavoro del 15 e 16 marzo, in collaborazione con il Consorzio di cooperative sociali EVT (www.evtnetwork.it) e AICCON
(w w w. a i c c o n . i t) .

GIOVEDI 15 MARZO
 L’obiettivo di questa prima giornata è quello di familiarizzare con i temi legati alla RTS, cercando di leggerla da diversi punti di vista: giuridico, fiscale e normativo, con un’attenzione particolare ai rapporti con la pubblica amministrazione e alla misurazione dell’impatto sociale.
VENERDI 16 MARZO
L’articolo 9 della legge delega di Riforma del Terzo settore prevede “la possibilità di accedere a forma di raccolta di capitale di rischio tramite portali telematici, in analogia a quanto previsto per le start up innovative”.

L’articolo 77 prevede “Al ne di favorire il nan- ziamento ed il sostegno delle attività svolte dagli enti del Terzo settore non commerciali, […] gli isti- tuti di credito autorizzati ad operare in Italia […] possono emettere speci ci «titoli di solidarietà», di seguito «titoli», su cui gli emittenti non applica- no le commissioni di collocamento.”

Quali sono le possibilità derivanti da questa decisione per le Imprese Sociali? Gli imprenditori sociali sapranno cogliere l’occasione?

Il 15 e il 16 marzo a Bologna ha avuto luogo la 5^ edizione dell’evento sull’innovazione sociale, promosso da SCF con la collaborazione del Consorzio di cooperative sociali EVT (www.evtnetwork.it) e AICCON (www.aiccon.it).

 

Le due giornate di lavoro hanno affrontato i temi dell’importanza e delle potenzialità della Riforma del Terzo Settore. Quali sono gli obiettivi di politica generale? Quali sono gli elementi di innovazione?

Per la prima volta si definisce per legge cosa è terzo settore, indicando chiaramente nella legge e nei decreti quali enti e soggetti lo compongono. Questa Legge si è interrogata su quali possano essere gli strumenti più adatti per riconoscere l’impresa sociale: il focus non è più sulle attività infatti, ma sulle finalità con cui agiscono gli enti. Il nuovo Codice riordina tutta la normativa riguardante gli enti del Terzo settore, che saranno iscritti al Registro unico nazionale del Terzo settore: un unico punto di riferimento, monitorato e gestito dalle Regioni, ma su un’unica piattaforma nazionale che farà capo al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Molto importante è inoltre la valutazione dell’impatto sociale che sottolinea il concetto secondo cui il no-profit è “buono” in quanto produce valore in senso lato, il tutto allineandosi con le legislazioni degli Stati Membri. Si tratta quindi di una riforma che guarda al futuro, mettendo in campo una serie di strumenti utili e da approfondire.

PROGRAMMA
SCARICA LA LOCANDINA
video

Aspetti fiscali delle ODV e delle APS
Codice del Terzo Settore – D.lgs 117, 3 luglio 2017
Contabilità e bilancio enti terzo settore_Colombo DECRETO LEGISLATIVO 3 luglio 2017, n. 112 La fiscalità degli Enti del Terzo Settore
interventi 15 marzo
SLIDE intervento di ALCESTE SANTUARI SLIDE intervento di LUCIANO GALLO Prof. COLOMBO – “che fare?” Laboratioro – IMPATTO SOCIALE
interventi 16 marzo
UBIBANCA_Strumenti finanziari EMILBANCA – Montanari BANCA ETICA